Deep Space 9: La stazione spaziale di Star Trek




STORIA 

DS9 fu costruita dai Cardassiani nel 2351 e collocata nell'orbita di Bajor, al fine di essere utilizzata come raffineria mineraria.


Il suo nome originariamente era per cui Terok Nor e su di essa lavoravano agli ordini del prefetto Gul Dukat, migliaia di schivi bajoriani.

La stazione fu abbandonata alla fine dell'occupazione di Bajor, quando i Cardassiani vennero cacciati dai gruppi della Resistenza bajoriana nel 2369, doo essere stata depredata di ogni oggetto di valore durante la fuga. 

In seguito i bajoriani ne assunsero il controllo, ma trovandosi in difficoltà, il governo provvisorio bajoriano decise di richiedere l'appoggio della Federazione Unita dei Pianeti, che ribattezzò la stazione Deep Space Nine e nominò Benjamin Sisko al suo comando.

Poco dopo l'equipaggio di Sisko, usci con la stazione dall'orbita del pianeta scoprendo un tunnel spaziale che collegava il quadrante Alpha al quadrante Gamma.


La stazione assunse un enorme valore commerciale, scientifico e strategico dopo la scoperta del wormhole bajoriano, che collega questo sistema con il quadrante Gamma. 

Dopo l'incontro con il Dominio nel 2371, la stazione fu pesantemente armata con 5000 siluri fotonici, numerosi banchi phaser e scudi deflettori che si potevano estendere sino a 300 metri dalla stazione.

Questi nuovi equipaggiamenti furono inizialmente usati contro i Klingon durante la loro offensiva contro Cardassia Primo nel 2372.

All'inizio della Guerra del Dominio, nel 2373 la stazione fu temporaneamente conquistata dal Dominio, ma vi rimase per poco in quanto nel 2374 fu in seguito liberata da forze combinate federali e klingon.

Terminata la guerra con il Dominio nel 2375, il colonnello Kira Nerys della Milizia bajoriana, subentrò al comando a Benjamin Sisko.


INFORMAZIONI GENERALI

Classificazione: Stazione Spaziale 
Tipo: Ex stazione spaziale cardassiana di elaborazione mineraria classe Nor, il cui precedente nome era Terok Nor 
Realizzato da: Unione Cardassiana - operativa dal 2346 - Refit Federazione a partire dal 2369 
Posizione: Cintura di Denorio - Quadrante Alpha

DATI TECNICI

Diametro massimo: 1.451,82 metri 
Diametro dell´anello degli habitat: 579,12 metri 
Diametro massimo della parte centrale superiore: 285,90 metri 
Diametro massimo della parte centrale mediana: 182,88 metri 
Diametro massimo della parte centrale inferiore: 184,46 metri 
Diametro massimo della sala operazioni: 59,43 metri 
Altezza della parte centrale: 368,80 metri 
Altezza dei pilone d´attracco: 192,02 metri 
Numero di ponti: 72 
Phaser: 24 banchi phaser 
Siluri fotonici: 5000 dispositivi di lancio 
Scudi: Standard - Campo di forza katarano, usato quale misura di sicurezza per proteggere gli accessi della stazione. 
Capienza: standard: 300 persone di cui 50 personale della flotta, massima: 7000 persone 
Riserva aria: 12 ore dopo disattivazione del supporto vitale

DISPOSIZIONE DEI SERVIZI

Anello Abitativo e Alloggi: Servizi per il personale, tre piattaforme di lancio per i runabout, reattore di microfusione. 

Passeggiata: Tavoli da gioco, bar, negozi, holosuite, tempio bajoriano, rifornimento di cibo non replicato, ufficio della sicurezza, infermeria. 
Livello 1: Ufficio del Comandante, sala comando 
Livello 3: Alloggio di Garak 
Livello 5: Deposito di armi il cui accesso è consentito a personale con livello di sicurezza 7 o superiore 
Livello 7: Bar di Quark 
Livello 17: Alloggio di Quark 
Livello 22: Laboratorio scientifico


La stazione risulta divisa in diciannove settori ed i suoi canali d´accesso sono protetti da uno spessore di due metri di duranio, impenetrabile ai più potenti dispositivi di scansione. 
Deep Space Nine è dotata anche di sistemi di rifiltrazione basati su unità RCL di tipo 1, nota tecnologia romulana. 
Inoltre, i portelli dei principali attracchi sono costituiti da un intarsio di duranio, che solo un raggio bipolare può riuscire a fendere. 
I condotti di flusso del sistema di distribuzione dell´energia hanno un solo regolatore per livello, al di sotto degli standard di costruzione della Flotta Stellare. 
I sensori per l´individuazione d´armi sono posti in corrispondenza degli accessi alla passeggiata e degli altri maggiori ingressi della stazione. 
Quando la Flotta Stellare ha assunto il controllo della stazione ha disattivato i campi di forza letali dei Cardassiani.

Condividi su: